link,cit. comm-1 - Scriveresognare

Vai ai contenuti

Menu principale:

link, citazioni, commenti

link, citazioni
commenti -1




                   


                     



   in  questo posto gli animali vengono amati
                                 veramente....

                           ARCADIPIERA





gennaio 2017

    
CAREGIVER FAMILIARE…..FINALMENTE QUALCUNO NE PARLA!!!!!!!
Il “caregiver” è la persona che si occupa, in modo intenso e continuativo di un familiare malato e /o disabile. Quasi sempre sono donne, spesso di 60 anni e più, costrette a curare i vecchissimi genitori e , magari, nello stesso tempo obbligate ancora a lavorare, ora che,il pensionamento è diventato, per tutti,un miraggio lontano. Sono situazioni che si possono trascinare per anni e anni, visto il crescere dell’aspettativa di vita negli anziani (si parla addirittura, ora , di “quarta età” ). Il caregiver, spesso, deve sopportare carichi di una pesantezza insostenibile, sia fisicamente che psicologicamente,che possono portare alla disperazione.
    
Viste le caratteristiche dell’attuale società, il dramma dei caregivers è destinato a crescere in modo esponenziale e sarà meglio che venga considerato seriamente, prima che diventi un’emergenza sociale.




aprile 17



A chi ama la fotografia segnalo un sito interessante



Ambra Vianello  è anche la curatrice
della parte grafica del mio sito....
nonchè la persona che mi ha aiutata a realizzarlo
Sono sue, inoltre, alcune delle foto presenti in questo sito
maggio 17


Al giorno d’oggi molte persone scrivono, e pubblicano libri. Scrivere non è più il privilegio di pochi eletti, ma è diventato un fenomeno molto diffuso. Questa è una cosa bellissima, ma significa anche che è diventato più difficile farsi conoscere e ancora di più “uscire dal mucchio” e conquistare una qualche notorietà.
A chi desidera pubblicare un’opera senza avere particolari ambizioni di successo, consiglio vivamente le piattaforme di autopubblicazione, che, nella maggior parte dei casi, offrono un servizio serio ed efficiente. Pubblicano qualsiasi opera, anche in diverse versioni (e-book o audiolibri) a costi assolutamente ragionevoli, e con tanto di codice ISBN

Io mi sono trovata molto bene con



e ne approfitto per segnalarvi la mia raccolta di racconti

"La fine della Storia" (formato cartaceo)
"La fine della Storia" (formato digitale)

Per qualunque altra informazione o richiesta, contattatemi liberamente al mio indirizzo e mail
orsaminus@yahoo.it


Ricordo anche, in ogni caso, la mia prima raccolta di racconti "Storie di confine" , pubblicata dalla



La violenta, aggressiva rimonta del fascismo e del nazismo a cui stiamo assistendo attualmente è allarmante e mostruosa.
I giovani che inneggiano a Hitler e Mussolini, che invocano la difesa della razza, che deridono Anna Frank, che vanno in giro a  minacciare,picchiare gli stranieri e declamare proclami deliranti..... forse non sanno quello che fanno. O forse lo sanno e ciò è ancora più allarmante.
Si vuole ritornare agli orrori delle guerre mondiali, si vuole sputare sulla libertà, la civiltà per cui i nostri padri e i nostri nonni diedero il sangue e la vita. Si vuole riportare in vita lo spettro di una barbarie che si credeva finita per sempre.
Davvero, la Storia non insegna niente a nessuno. La Storia è il regno della follia, dove si costruiscono palazzi scintillanti e , in un attimo, si ritorna nel fango. La follia dell'uomo, che sembra sempre più votato alla distruzione e all'autodistruzione, sempre assetato, alla fine, solo di sangue e di violenza.

Mi auguro che, di fronte a questi gravi episodi , che si stanno ripetendo sempre più frequentemente, la reazione delle istituzioni sia ferma e decisa.
Ma soprattutto confido nella mobilitazione della società civile, di noi, cittadini stanchi e indifferenti del nostro tempo,perchè possiamo ritrovare, nel fondo della nostra anima, una scintilla di dignità e di umanità.




Voi che vivete sicuri
Nelle vostre tiepide case,
Voi che trovate tornando a sera
Il cibo caldo e visi amici:
Considerate se questo è un uomo
Che lavora nel fango
Che non conosce pace
Che lotta per mezzo pane
Che muore per un sì o per un no.
Considerate se questa è una donna,
Senza capelli e senza nome
Senza più forza di ricordare
Vuoti gli occhi e freddo il grembo
Come una rana d'inverno.
Meditate che questo è stato:
Vi comando queste parole.
Scolpitele nel vostro cuore
Stando in casa andando per via,
Coricandovi alzandovi;
Ripetetele ai vostri figli.
O vi si sfaccia la casa,
La malattia vi impedisca,
I vostri nati torcano il viso da voi.


Primo Levi




aprile 18

SALVATORE BORSELLINO, fratello di PAOLO, ucciso nell'agguato mafioso del 19 luglio 92, è una grande persona. Umile, forse anche troppo, come sanno essere umili solo le persone veramente grandi.
Ho avuto modo di ascoltare personalmente una sua conferenza.
Oltre alla sua instancabile sete di giustizia, volta a far luce sulla strage di via D'Amelio con i suoi scabrosi retroscena,
si prodiga, nella sua Palermo, in favore dei giovani, con innumerevoli attività, per sottrarli all'influenza devastante della mafia ed educarli ad una cultura di civiltà e legalità
Un eroe dei nostri tempi



..Quando gli esseri viventi assistono alla fine di un kalpa e tutto arde in un grande fuoco questa, la mia terra, rimane salva e illesa, costantemente popolata di dei e uomini. Le sale e i palazzi nei suoi giardini e nei suoi boschi sono adornati di gemme di varia natura. Alberi preziosi sono carichi di fiori e di frutti e là gli esseri viventi sono felici e a proprio agio. Gli dei suonano tamburi celesti, creando un’incessante sinfonia di suoni. Boccioli di mandarava piovono dal cielo posandosi sul Budda e sulla moltitudine.
La mia pura terra non viene distrutta, eppure gli uomini la vedono consumarsi nel fuoco: ansia, paura e altre sofferenze predominano ovunque. Questi esseri viventi con molte colpe, per il karma creato dalle loro azioni malvagie, trascorrono asamhkya senza udire il nome dei tre tesori.
Ma coloro che praticano vie meritorie, che sono gentili, miti, onesti e retti, tutti loro mi vedranno qui, in persona, intento a predicare la Legge. In certe occasioni io spiego a questa moltitudine che la durata della vita del Budda è incommensurabile, e a coloro che vedono il Budda solo dopo molto tempo spiego loro quanto sia difficile incontrare il Budda.
Tale è il potere della mia saggezza: la mia luce risplende senza limiti. Ho conseguito questa vita che dura da infiniti kalpa come risultato di una lunga pratica. Voi, che siete dotati di saggezza, non dubitate di ciò! Abbandonate ogni dubbio una volta per tutte, poiché le parole del Budda sono vere, non false.....

               brano  tratto dal sedicesimo capitolo del "Sutra del Loto"      

 
              



         





"Se voi volete andare in pellegrinaggio nel luogo dove è nata la nostra Costituzione, andate nelle montagne dove caddero i Partigiani, nelle carceri dove furono imprigionati, nei campi dove furono impiccati.
Dovunque è morto un italiano per riscattare la libertà e la dignità, andate lì o giovani, col pensiero, perchè lì è nata la nostra Costituzione"
                                                      Piero Calamandrei                         

                                                 
 





NOVEMBRE 18

PIETA' PER LA NAZIONE


Pietà per la nazione i cui uomini sono pecore
e i cui pastori sono guide cattive
Pietà per la nazione i cui leader sono bugiardi
i cui saggi sono messi a tacere
Pietà per la nazione che non alza la propria voce
tranne che per lodare i conquistatori
e acclamare i prepotenti come eroi
e che aspira a comandare il mondo
con la forza e la tortura
Pietà per la nazione che non conosce
nessun’ altra lingua se non la propria
nessun’ altra cultura se non la propria
Pietà per la nazione il cui fiato e’ danaro
e che dorme il sonno di quelli
con la pancia troppo piena
Pietà per la nazione – oh, pietà per gli uomini
che permettono che i propri diritti vengano erosi
e le proprie libertà spazzate via
Patria mia, lacrime di te
dolce terra di libertà!


Lawrence Ferlinghetti






















Pietà per la nazione è stata scritta nel 2007 da Lawrence Ferlinghetti in occasione del cinquantenario del libro On the road (1957) scritto da Jack Kerouac ispirandosi ai versi del poeta libanese Kahlil Gibran.





...In pochi a nuoto arrivammo qui sulle vostre spiagge.
Ma che razza di uomini è questa? Quale patria permette un costume così barbaro, che ci nega perfino l’ospitalità della sabbia; che ci dichiara guerra e ci vieta di posarci sulla vicina terra.
Se non nel genere umano e nella fraternità tra le braccia mortali, credete almeno negli Dei, memori del giusto e dell’ingiusto…

[Virgilio, Eneide, Libro I 538-543]












Poveri ragazzi
sotto i riflettori solo un attimo, il tempo che basta per essere triturati nella macchina della propaganda, e poi dimenticati.
Poveri ragazzi, con i loro bellissimi sogni senza confini, spezzati e naufragati.
Una generazione a cui si nega qualunque futuro, che si vuole annichilire, a cui si chiede solo di stare nell'angolo, in poltrona, a non fare niente
Per chi non ci sta, per chi ha orizzonti più vasti, per chi vuole qualcosa di più da se stesso e dalla vita, c'è la punizione, e l'oblio.







aprile
2019






GIULIO REGENI
Aveva studiato sia negli Stati Uniti che nel Regno Unito , doveva laurearsi all'università di Cambridge. Aveva  anche lavorato alcuni anni per l'ONU.
Nel 2016 era in Egitto per compiere alcune ricerche relative al suo dottorato.
Il 3 febbraio 2016 il suo corpo, atrocemente mutilato e torturato fu ritrovato in un fosso.
Le indagini sono tutt'oggi in alto mare, anche e soprattutto per la scarsa, se non nulla collaborazione da parte del governo  egiziano.
Aveva 28 anni.


SILVIA  ROMANO

Mediatrice culturale, era in Kenya come cooperante per l'Africa Milele Onlus, una associazione che si occupa di progetti a  favore dei bambini.
Rapita in  Kenya 1l 20 novembre 2018, da allora, di lei non si sa più nulla. All'inizio sembrava un rapimento a scopo di estorsione, che si sarebbe risolto in poco tempo. Ma non fu così, e su di lei, oggi, non si ha la benchè minima informazione.
Su questo caso è calata l'indifferenza e il totale silenzio mediatico.
Quando avvenne il rapimento, fu attaccata brutalmente sui social, accusata di "essersela cercata". Un famoso giornalista italiano la soprannominò, sarcasticamente "cappuccetto rosso".
Ha 23 anni.




ANTONIO MEGALIZZI

Giovane giornalista e conduttore radiofonico, appassionato europeista.
Fu ucciso l'11 dicembre 2018 durante l'attacco terroristico al mercatino di Natale a Strasburgo, dove era andato per seguire in diretta i lavori della Commissione Europea
Aveva 29 anni.






STEFANO  LEO

Un ragazzo che aveva girato il mondo per anni. Mite e sensibile, con una profonda spiritualità. Era induista e vegetariano.
Sgozzato, il 23 febbraio 19, da uno squilibrato, che non sopportava "la sua aria felice", mentre passeggiava tranquillamente, in pieno giorno, sulle rive del Po , a Torino.
Aveva 33 anni






LORENZO  ORSETTI

Giovane fiorentino, decide di abbandonare la sua vita “normale” (lavorava nella ristorazione)  per andare in Siria e unirsi ai combattenti Curdi nella lotta contro lo Stato Islamico.
Lo stesso Isis ne annuncia l’uccisione il 18 marzo 2019. Aveva 33 anni
Se fosse tornato in Italia sarebbe stato arrestato come “terrorista”.
Torna ai contenuti | Torna al menu